lunedì 22 aprile 2013

La giornata del drago




Il 23 aprile è la Giornata del drago, per cui questa è a tutti gli effetti la settimana del drago. Per celebrarla adeguatamente ho pensato di raccogliere un po’ delle cose che ho scritto negli anni (il 24 aprile questo blog ne compie ben cinque) su queste misteriose creature. 





C’è anche una Pillola di dragonologia con alcuni interessanti e utili consigli nel caso voleste intraprendere la professione di allevatori di draghi


Di questo drago qualche tempo fa si è occupata anche la trasmissione “Mistero”, con risultati un po’ discutibili a dire il vero.

Ben prima di “Mistero” era venuto a trovarci il famoso detective dell’impossibile, Martin Mystère in una ormai classica storia ambientata sul lago d'Orta.


Vi propongo anche tre racconti:
Il Signore del caos dedicato al dragone Ismarroth, di cui forse sentirete ancora parlare.

La veridica storia del drago dell’isola è la seconda storia, da cui è tratto il disegno di ELE che tra l’altro ha realizzato anche il logo della Giornata del Drago.

Un incontro fatale è l'ultimo, in cui si parla del Basilisco che notoriamente è il più temibile dei draghi.

Qui potete trovare qualche informazione su questa terribile creatura.

A proposito del Basilisco abbiamo testimonianze sconvolgenti dal nostro territorio, corredate dal parere della Signora degli animali.

Quando si parla di draghi naturalmente non si possono dimenticare i loro nemici. Ecco la storia di San Giorgio.

In fondo il 23 aprile è, anche, la sua festa…

5 commenti:

  1. E' stato bellissimo vedere tutti quei blog che parlavano di draghi!
    W I DRAGHI!!

    RispondiElimina
  2. Mondi dragheschi fantastico ..... auguri per il compleblog miaooooùùùùùùùù

    RispondiElimina
  3. W Sempre W i maestosi e magici draghi - bel post molto pieno di interessanti narrazioni draghesche ;-)
    Buon Fine Settimana

    RispondiElimina

Lasciate una traccia del vostro passaggio, come un'onda sulle acque del Lago dei Misteri...

Post più popolari

Follow by Email

"Di un fatto del genere fui testimone oculare io stesso".

Ludovico Maria Sinistrari di Ameno.